mercoledì 17 giugno 2015

L' àncora

Un paio di giorni prima di scoprire di essere incinta, abbiamo finalmente acquistato la roulotte...non dal tipo strano (di quello ci siamo liberati in fretta) ma da una simpatica famiglia che ha praticato il campeggio per ben ventinove anni di fila.
E' da fine maggio che il week end facciamo una scappata al mare: montiamo, smontiamo, sistemiamo, aggiustiamo; una faticaccia immane ma piacevolissima, che è coincisa con uno dei periodi più brutti della mia vita.
Mi sto rendendo conto che questo acquisto è stato la mia àncora di salvezza: mi ha permesso di staccare dalla quotidianità, di alleggerire la testa per uno o due giorni a settimana, di ritrovare un equilibrio seppur precario.
Questo fine settimana ci siamo fermati a dormire in roulotte per la prima volta: dormire fuori casa fa uno strano effetto; il tempo sembra dilatarsi, ti senti "in ferie" e la settimana lavorativa che ne segue è meno pesante.
La vita quotidiana è meno pesante.
La bambolotta si scatena felice: guardarla è un piacere, accorgersi che cresce sempre più con gli stimoli esterni dà soddisfazione, vedere il suo spirito d'indipendenza farsi sempre più pressante è motivo di fatica ma anche di orgoglio.
Questa strana avventura ha prodotto anche altri effetti benefici: il Fatalista sta sviluppando un maggior senso pratico, una certa manualità che finora gli era sconosciuta; si ingegna, prende sicurezza nei suoi mezzi e delle sue capacità facendo molti meno danni di quanto mi sarei aspettata.
Non credo che sarà mai un genio nel "fai da te", ma tenda, cucinino e gazebo sono stati montati: sono lì a testimonianza del miracolo avvenuto...sempre che abbiano retto alle piogge torrenziali di oggi!!!
Come tutti gli uomini della mia vita, anche lui non è in grado di vedere un oggetto di cui è alla ricerca anche se ce l'ha davanti agli occhi, eppure è stato capace di ritrovare il ciuccio della bambolotta che avevo prudentemente nascosto: era caduto in terra e avrei voluto disinfettarlo prima di rimetterglielo in bocca, ma le nuove capacità del marito mi hanno battuta sul tempo...
"E che fa?! Si farà gli anticorpi!"
Gli ultracorpi, direi...!!!
Dicevo dell'àncora di salvezza.
La roulotte.
La bambolotta.
Un marito in una nuova veste.
Una madre: c'è stata e basta, con la sua presenza costante e rassicurante, pronta a pungolarmi se necessario o a frenarmi al momento giusto.
Un padre: uno sguardo costantemente preoccupato, indagatore. Mordi e fuggi, quasi che il mio dolore centuplicasse il suo.
Un fratello, adorato James Dean! Lui si è occupato del mio fisico...o almeno così pensavo...ha iniziato a farmi dei massaggi per aiutarmi a dimagrire...lui mi massaggia e chiacchiera.
Praticamente mi fa due sedute di psicoterapia a settimana...solo che non me ne sono accorta subito (sono un'aquila, neh?!)...
Insomma... mi appoggio qua e là zigzagando ubriaca tra un amore ed un altro.

14 commenti:

  1. Sono felice per te...felice che in quessto momento così brutto e difficile tu non sia sola.
    Questo è importante. Il oter parlare di qunato accaduto o anche no, anche parlare di altro; l0ascoltare chiacchiere che magari ppossono sembrare futili; avere un impegno fisso (montare e smontare, prendere e partire, la bambolotta che si ingegna in mille modi come è giustissimo per una personcina della sua età a farsi seguire e guardare).. tutto serve. Non annulla il dolore. Lo mitiga poco per volta .
    Un abbracciio stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riempire le giornate dilata il tempo. Ed io ho bisogno di tempo...
      Un abbraccio fortissimo a te!

      Elimina
  2. Sei fortunata ad avere delle persone così intorno, l'amore aiuta, ci vuole tempo, ma aiuta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento coccolata e ne ho bisogno; mi rendo conto che ogni attenzione mi fa bene, come pure gli impegni fisici...aiutano il cervello a girare nel verso giusto...

      Elimina
  3. È bello sentire che ci sono tanti punti d'appoggio, ti farà bene, ti darà sostegno.
    Io ti abbraccio e spero di vedervi presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I punti d'appoggio sono necessari quando non hai più il tuo equilibrio: ma mi sento più serena e credo sia un buon inizio!
      Anche io spero di vedervi presto!!!

      Elimina
  4. Sono contenta che tu sia così "coccolata" e che il tuo dolore sia un po' condiviso, in modo da averne un pezzettino in meno tu...
    Vedrai che passerà, piano piano. Non del tutto, ma diventerà solo un triste ricordo.
    Goditi tutto.

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di apprezzare ogni mano che mi viene tesa, che sia evidente o meno.
      Anche le vostre, grazie!

      Elimina
  5. Brava, ancòrati alle ancòre. La burrasca passerà.

    RispondiElimina
  6. E' giusto che sia così!! Attaccati a loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C' è voluto del tempo anche per rendermi conto di non essere sola e abbandonata a me stessa. Ora va meglio

      Elimina
  7. Zigzagare ubriaca tra gli amori è un'immagine bellissima. Pian piano ti rialzerai. E correrai. Un bacione!

    RispondiElimina