lunedì 7 luglio 2014

Eccitante

Ieri sera sono andata a dormire a cuor leggero, mi sono concessa un po' di tv a letto e quando il Fatalista è rientrato in camera dal salone (a parte alcune serie che ci appassionano, i nostri gusti televisivi sono assolutamente incompatibili, quindi se decidiamo entrambi di guardare la televisione ci dobbiamo separare) abbiamo spento la luce pregustando il meritato riposo. Quello necessario ed indispensabile per affrontare una nuova settimana, che ti rinfranca delle fatiche dei giorni appena trascorsi.
Ma la bambolotta aveva altri programmi: si è svegliata, ha iniziato a piangere, poi si è bevuta la camomilla... ed ha iniziato a ridere; e giocare; con noi che volevamo dormire; al buio chiamava noi e richiamava la nostra attenzione con gridolini, risate, lanciando la povera Matilde ed il ciuccio.
Abbiamo resistito, facendo finta di essere morti.
Alle tre l'ho presa dal lettino e l'ho messa tra noi cercando di convincerla a dormire: ha gattonato sul lettone rischiando di volare giù per un'altra ora.
Alle 6.00 eravamo svegli, con due ore di sonno e la rassegnazione del tempo ormai perduto, che non recupereremo più e si sommerà alle infiniti notti insonni patite sinora.
Avrei voluto dire te l'avevo detto, ma non ne ho avuto la forza.
Il Fatalista ha scovato una merenda al cacao per la bambolotta: la sua mania di farle assaggiare tutto lo ha punito...anzi ci ha punito.
Il cacao è eccitante; soprattutto per una bambina iperattiva di quasi un anno che non lo ha mai assaggiato.
Il cacao per la bambolotta è come la cocaina.
Ma a me non farebbe effetto neanche quella in questo momento.

2 commenti:

  1. Ti auguro di dormire un sonno profondo e ristoratore.
    Notte notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo...domani racconto...vado sono distrutta! Baci

      Elimina