giovedì 23 ottobre 2014

Faccio i piatti

Il Fatalista si è ripreso la faringite e casa puzza di nuovo di aglio.
La bambolotta ha capito che il padre è un pupazzo nelle sue mani e si rifiuta di fare la pennichella pomeridiana finché, al rientro dal lavoro, stanca e affamata, non la scarico io stessa nel lettino, minacciandola con lo sguardo.
La gran signora del terzo piano continua a portare i tacchi in casa, a gettare cicche di sigaretta accesa sui mie panni stesi (oh, scusa, non l'ho fatto apposta!) e a spostare mobili fino all'una di notte.
L'appartamento che abbiamo visto ieri sera era splendido come in foto, cosa che mi ha innervosito ancor più quando ho visto il resto del palazzo (ascensore/loculo e vano scale scomodissimo...il passeggino evidentemente non era stato contemplato), il "garage" (due posti auto ad incastro con altre tre macchine che per uscire al mattino e rientrare la sera ci vuole un programma di condominio) e la zona (i dirimpettai possono passarti il caffè dal balcone a colazione, o farsi la doccia con te).
Per vedere la casa di cui sopra ho perso la lezione in palestra, la depressione ha finito con l'impadronirsi definitivamente del mio animo ed ho reagito passando la serata ad ubriacarmi di annunci, segnando solo quelli più improbabili, invertendo la tattica usata sinora per sfidare la sorte; così sabato vedremo un attico di quasi duecento metri lordi che regalano con i punti Q8.
Il lavoro va male...lo dicono tutti...fare l'amore non si può, che il semaforo non permette.
Poi c'è il tempo: dieci gradi in meno rispetto a ieri, vento, pioggia e aria di burrasca.
Neanche un briciolo di cioccolata per consolarsi...anzi...il frigo è vuoto, che vuol dire che devo ricorrere ai legumi: il marito sarà contento, io meno (scegli, metti a bagno, cucina per due ore: li odio).
Vado a fare i piatti che è meglio.

7 commenti:

  1. Ma come fai nelle tragedie ad avere questa formidabile carica ironica!!
    Trascendentale, ho un'amica trascendentale..
    Hai mai pensato di scrivere un libro..?
    Sarebbe un successo! E allontanerebbe un po' la crisi..no?
    Bacissimo a tutta la famiglia riunita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Nella...talvolta tutta la mia esistenza mi sembra trascendentale!!! ma spero proprio di non collezionare tante disavventure tali da riempirci un libro :-ss
      Grazie per il complimento, ricambiamo tutti il tuo bacio!

      Elimina
    2. Ma ci racconti anche cose liete tesoro mio...
      Un pensierino lo farei...
      Aribacissimo a tutti voi!

      Elimina
  2. I legumi non sono un antidepressivo! La cioccolata sì. Io ne ho comprate due tavolette nel pomeriggio di spesa con Nino. Combattiamo la crisi, degli altri, riempiendo il carrello di tutto quello che ci salta per la mente. Sono tornata a casa con la farina per i pancake, cioccolate varie, numerosi pacchi di pasta e un po' di frutta per lavarsi la coscienza.
    Stringete i denti per la ricerca della casa e prendetela a ridere quando vi imbattete in catapecchie improbabili...
    ricordo che quando andavamo in giro noi ci divertivamo a vedere i livelli di orrore raggiunti da bagni, pavimenti, infissi e porte, dettagli da non trascurare, che a rifarli ci si spende un occhio della testa... e pure due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La zuppa di legumi per domani è pronta: forse se ci metto del peperoncino mi fa meno tristezza, ma ne dubito! Non voglio far uscire la bambina con questo tempo: qui c'è una specie di tempesta di vento e pioggia in corso da diverse ore. Mi sa che per la spesa aspetteremo domenica: domani pomeriggio c'è F., sabato mattina l'appartamento da vedere e le varie agenzie da girare, sabato pomeriggio la piscina per la bambolotta...meno male che lunedì arriverà presto!
      Buonanotte, cara Effe

      Elimina
  3. ....prendi quelli in barattolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il marito infermiere dichiara la sua predilezione ai pazienti produttori di legumi, di modo che lo ripagano in natura regalandogli sacchi e sacchi di lenticchie, fagioli, fave e ceci secchi.
      Ottimi per carità...ma preferirei quelli in scatola, come giustamente suggerivi tu!
      E gli piacciono così tanto che ne è geloso e non vuole neanche che li smisti fra i familiari...anche se io lo faccio lo stesso! :p

      Elimina